Una pagina del diario intimo di Arturo Benedetti

Almanacco (Je rêve)

E poi un giorno. E poi un giorno succede. Succede che a volte la vita sfibra inerte le fibre nervose ripiegate nell’amara abitudine amata. Sto bene oggi, grazie anch’io grazie a dio ecco il resto o poco più. Oggi ho venticinque anni ieri erano ventiquattro, ecco il resto o poco più. Un anno è passato. (Quanto oltre ancora accorato rimanere ancorato a quest’ancora imprecisato ed esitante tra l’esclamativa l’interrogativa e il sintagma nominale. Una maglia di reti intrappolata in te nonostante te la cui presenza negli interstizi sfibrati della mia memoria soleva ripiegarsi mescolandosi con quant’altro trovava. E non trovava che te e il resto il resto poco più o almeno qualcosa di meno di quel più che contava e che non eri che tu, sempre tu la stessa il cui amore i miei nervi sfioriva per quel più cui sempre si accompagnava. E la profonda vergogna nel dire amore ogni qual volta dicevo amore ancora anzi più che mai ora non m’abbandona poiché ora risuona come parola scritta letta morta e tutto il resto di quello che ho cercato di evitare per te l’unica che non attraversava la mia mente macchiata d’inchiostro o di toner. Come dirti quand’eri abitudine dei gesti le mani sporche dei granelli di caffè comprato a pochi euro al discount il cui consueto riapparire sulle mie mani la mattina alle sette faceva allentare al mondo la sua presa allontanandone del reale la pretesa mentre tu dormivi. Ti vedo, la sveglia ha suonato ma per me soltanto cui il tempo è una griglia di lancette e ticchettii in cui il rincorrersi se è gioco è scacco scacco matto tic toc. Il clic dell’interruttore della luce quando la sera torniamo a casa. Il mazzo di chiavi. I piatti sporchi. Il drin del microonde il piatto è pronto i bicchieri la tavola imbandita. Le sedie di panni vestiti. La scala a chiocciola il quinto piano gli affanni e i sorrisi le chiavi il clic dell’interruttore della luce quando la sera torniamo a casa. Il caffè è pronto. Ma tu dormi. Dormi dormi ancora. Un anno è passato. Ma per te cui il tempo non esiste c’est moi que rêve).

Advertisements

Tag: , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: